18-ponte-fiume-serio-top

Descrizione

Cliente: Provincia di Bergamo
Location: Alzano Lombardo – Villa di Serio (BG) – Strada Provinciale n. 67
Progetto dell’opera: Ing. Renato Pasta
Anno di completamento: Dicembre 2013

Natura dell’opera: S.P. N. 67: Alzano Lombardo – Costa di Mezzate – Consolidamento del Ponte sul fiume Serio in Comune di Alzano Lombardo e Villa di Serio

Peculiarità dell’intervento è stata l’esecuzione di colonne jet-grouting (con metodo monofluido, diametro 600 mm. e lunghezza 8,00 ml.) e l’utilizzo del cassero a perdere Quickjet (marchio registrato da DB SYSTEM INTERNATIONAL SRL – Rivolta d’Adda (CR)).

Il progetto elaborato dall’Ing. Renato Pasta, consiste nel mantenimento del vecchio ponte sul fiume Serio in Alzano Lombardo e Villa di Serio, ora dismesso al traffico veicolare, integrandolo con il prolungamento di due nuove campate, per consentire la ricalibrazione dell’alveo con misure in sezione, circa 90 ml., adeguate alla portata di colmo del fiume, nella sezione idraulica interessata.

Le nuove parti strutturali, rispettose dell’impianto originario, ricalcano la tipologia costruttiva ad arco delle tre campate esistenti; il nuovo impalcato è costituito da soletta in calcestruzzo, sorretta da doppia serie di travi longitudinali e di montanti, ciascuna vincolata ad un arco doppiamente incernierato sulle pile/spalle di nuova costruzione; la spalla esistente in sponda sinistra, è trasformata in pila.

Il materiale scelto per le strutture principali è: il calcestruzzo, per quanto riguarda fondazioni, pile, spalle e soletta d’impalcato – acciaio zincato opaco per le parti strutturali ad arco, travature orizzontali e montanti.

La sponda sinistra è stata rimodellata, dopo lo sbancamento generale, con pendenza idonea simile a quella utilizzata nell’intervento già effettuato a monte, e protetta con biostuoia e semina d’erba; l’intorno della nuova spalla sinistra è stato pure bonificato dal punto di vista ambientale.

Le pile del ponte vecchio hanno subito un intervento di consolidamento, nei confronti dello scalzamento operato dalle ondate di piena, mediante cerchiatura con calcestruzzo armato.

Per quanto riguarda le nuove strutture (pila e spalla sinistra), in dipendenza delle prospezioni geotecniche effettuate, sono fondate a livello del primo strato di conglomerato e protette da possibile erosione degli strati sciolti, mediante intervento di jet-grouting.