chiesa-isola-zivido-105 top

Descrizione

Cliente: Parrocchia S.Maria in Zivido
Location: San Giuliano Milanese (MI) – Via Gorkij – Località Zivido
Progetto dell’opera: Prof. Arch.  Aimaro Isola – Isolarchitetti studio
Anno di completamento: Maggio 2008

Natura dell’opera: Costruzione di un nuovo complesso parrocchiale

Il complesso parrocchiale è organizzato attorno ad un ampio sagrato ottagonale porticato che assume un importante ruolo di mediazione e di soglia con il sistema urbano. Il suo disegno prende consistenza dalla convergenza di vari percorsi: l’asse viario storico, quello della città e quello verso il verde e i campi sportivi.

Su questo spazio, sotto il grande colonnato, oltre alla chiesa, la casa parrocchiale e gli uffici, troviamo il blocco con le aule per la catechesi, un salone di forma trapezoidale e un altro salone per la comunità.

Sul prolungamento dell’asse longitudinale della chiesa, a segnare l’accesso al sagrato, è posizionato il campanile a pianta quadrata, con quattro colonne che sorreggono una copertura in rame preossidato a quattro falde: una cuspide che protegge le campane e che, come una sorta di landmark indica una presenza importante sulla pianura circostante.

Un grande tetto di coppi raccoglie e ordina tutto il complesso parrocchiale che in qualche modo cerca di entrare in relazione con le non lontane Certose.

Il vano della chiesa è ellittico, circondato anch’esso da grandi colonne; su questo si attestano il presbiterio, una cappella, il battistero a forma cilindrica e le penitenzierie.

Aimaro Isola

Aimaro Oreglia d’Isola, meglio noto come Aimaro Isola (Torino, 14 gennaio 1928), è un architetto italiano.

Biografia:

Dopo la laurea in architettura presso il Politecnico di Torino (1952), insegna all’università a Torino. Nel 1950 crea uno studio con Roberto Gabetti. Nei tardi anni cinquanta contano tra gli esponenti maggiori del movimento Neoliberty. Tra le loro opere, realizzate soprattutto nello spazio del Piemonte (ma note a livello internazionale), la Casa Paravia (Piazza Statuto, Torino), la Borsa Valori (sempre a Torino), il Palazzo di Giustizia ad Alba, complessi residenziali, progetti urbanistici e ristrutturazioni artistiche; si sono occupati anche di architettura religiosa, con particolari concezioni di ricerca.

Professore Emerito del Politecnico di Torino, è Accademico Nazionale dell’Accademia di San Luca a Roma, Accademico Nazionale dell’Accademia delle Scienze a Torino.

Dopo la morte del Gabetti nel 2000, Aimaro Isola continua il suo lavoro di progettista fondando lo studio Isolarchitetti con il figlio Saverio Oreglia d’Isola (nato a Torino il 27 ottobre 1972).

Opere con Roberto Gabetti

Borsa Valori e Bottega d’Erasmo a Torino; residenza Olivetti a Ivrea; Società Ippica Torinese; il Museo di Antichità a Torino; Palazzo di Giustizia ad Alba; Monastero delle Carmelitane a Quart; Quinto Palazzo Uffici SNAM a San Donato Milanese;Centro assistenza Iveco a Torino.

Opere con Isolarchitetti

Ristrutturazione dell’ex-Cinema Vittoria a Torino; Il restauro della Palazzina di Caccia di Stupinigi; Nuova Sede Uffici Giudiziari di Bergamo; nuova sistemazione di Piazza Duomo e Piazza Orsini a Benevento ; Centro Direzionale IBM a Segrate (MI); Parco Ottavi a Reggio Emilia; Isolato Santo Stefano e Parco Archeologico a Torino; Chiesa parrocchiale Santa Famiglia a Palmi e Centro parrocchiale Santa Maria in Zivido a San Giuliano Milanese; Ufficio Giudiziari a Bergamo; piano particolareggiato nuovo quartiere urbano area Parco degli Ottavi a Reggio Emilia; nuovi porti di Varazze e di Marina di Pisa; progettazione di residenze, uffici e negozi nel centro storico di Carpi; riqualificazione del Porto Mediceo di Livorno; coordinamento progettuale per la valorizzazione della Porta Palatina e realizzazione del Parco Archeologico di Torino; Piano Particolareggiato per la trasformazione dell’area ex-Sipe Nobel a Spilamberto (MO); riqualificazione dell’isolato San Michele nel centro storico di Alghero; il Centro del Design a Torino Mirafiori; il Nuovo Museo Egizio di Torino.

Principali mostre ed esposizioni delle opere

Teatro Farnese di Parma, Museo di Arte Moderna del Castello di Rivoli, Basilica Palladiana di Vicenza,Complesso monumentale S. Michele a Ripa Grande a Roma e alla Fondazione Pistoletto di Biella. Opere di design e di architettura sono esposte fra le collezioni permanenti al MOMA di New York, al Centre Pompidou di Parigi, all’Accademia di San Luca e al Maxxi di Roma.

Premi

Tra i premi, con Roberto Gabetti riceve il Premio Antonio Feltrinelli dall’Accademia Nazionale dei Lincei (1988), il Premio Internazionale ‘Architetture di pietra’ (1991), il Premio Speciale Luigi Cosenza della Giuria Targa d’Argento per la migliore architettura realizzata in Italia nel biennio 96/97 (1998; per il Museo di Antichità di Torino), nel 1998 riceve il Premio Speciale Luigi Cosenza della Giuria Targa d’Argento per la migliore architettura realizzata in Italia nel biennio 96/97, per il Museo di Antichità di Torino;nel 2002 riceve dal Presidente della Repubblica la medaglia d’argento di Benemerito della Cultura Italiana e nel 2006 il Premio Nazionale Ance-IN/ARCH alla Carriera, nel 2006 il Premio Nazionale Ance-IN/ARCH alla Carriera; nel 2006 il “Premio Sostenibilità BIOECOLAB, categoria Urbanistica, per il progetto di riqualificazione dell’area di “Parco Ottavi” a Reggio Emilia.