01-chiesa-paderno-top

Descrizione

Cliente: Parrocchia SS. Redentore Seriate
Location: Seriate (BG) – Via Fiume Po – Località Paderno
Progetto dell’operaArch. MARIO BOTTA
Anno di completamento: Maggio 2004

Natura dell’opera: Realizzazione nuovo centro pastorale Giovanni XXIII – nuova chiesa e centro giovanile

CENTRO PASTORALE GIOVANNI XXIII

“UN FIORE DI PIETRA RIVOLTO AL CIELO”
La chiesa a pianta centrale costituisce il centro della composizione delimitata a nord- ovest dalla chiesetta e a sud-est da un corpo edilizio allungato che ospita i diversi servizi parrocchiali e dal quale fuoriesce il volume trasversale della sagrestia che collega la nuova chiesa. Quest’ultima presenta un lato di circa 25 metri ed una altezza sul fronte di 23 metri. Elementare nella sua planimetria, l’architettura diviene complessa nella sezione verticale con le pareti centrali che si innalzano per trasformarsi in lucernari a livello della copertura e un raccordo a rombo inclinato che lega gli angoli del soffitto con gli angoli del quadrilatero. La principale attenzione del progetto è rivolta allo spazio interno; l’ingresso è sottolineato da un monumentale porticato a protezione della grande parete vetrata e del portale processionale. L’interno si presenta ad aula unica che disegna uno spazio unitario caratterizzato dal pavimento e dallo zoccolo di rivestimento parietale in marmo rosso di Verona levigato. Le restanti pareti sono interamente rivestite in legno disposto a lamelle orizzontali e laminato a foglia d’oro in modo da trasformare la chiesa in una perfetta cassa armonica luminosa. L’interno è illuminato dai quattro grandi lucernari che irradiano la chiesa di luce zenitale. L’immagine complessiva rimanda ad un grande “fiore di pietra” teso a catturare la luce del cielo.
Tutto l’arredo fisso (altare, ambone, acquasantiera, custodia eucaristica, lampada perenne), è realizzato in marmo rosso di Verona con alcune parti in acciaio satinato.
La zona presbiteriale si sviluppa all’interno del volume con un semplice arco di cerchio che penetra nello spazio centrale e acquista profondità attraverso due absidi che fuoriescono leggermente dal quadrilatero e unificate dalla scena della “resurrezione-crocefissone” scolpita, dentro lo spessore del muro, dallo scultore Giuliano Vangi.

Biografia Mario Botta

Dopo la scuola dell’obbligo entra a 15 anni come apprendista disegnatore presso lo studio di architettura di Luigi Camenisch e Tita Carloni a Lugano e all’età di 18 anni realizza la sua prima costruzione (casa parrocchiale di Genestrerio) 1961-63. Frequenta il Liceo Artistico a Milano e prosegue gli studi all’Istituto Universitario d’Architettura di Venezia tra il 1964 e il 1969. Nel 1970 apre il proprio studio di architettura a Lugano, nella cui regione realizza un gran numero di residenze unifamiliari e piccoli interventi che lo rendono internazionalmente noto. Dal 2011, lo studio Mario Botta Architetti si è trasferito a Mendrisio dove continua attivamente ad occuparsi di progetti su scala nazionale e internazionale, partecipando anche a prestigiosi concorsi.

Stile

La sua architettura, molto influenzata da Le CorbusierCarlo Scarpa e Louis Kahn, risulta caratterizzata da un notevole pragmatismo e dalla creazione di uno Spazio architettonico forte e geometrico, spesso rivestito di mattoni in cotto edificati con un attento disegno del particolare architettonico. Sono caratteristici della sua architettura l’utilizzo del mattone e della pietra e gli edifici costituiti da volumi puri, tagliati e traforati da grandi spaccature, tra i quali gli edifici a cilindro tronco che trovano la prima realizzazione nella chiesa di San Giovanni Battista a Mogno e il successivo sviluppo nella Cattedrale di Évry, presso Parigi. Partendo dalle prime realizzazioni di case unifamiliari in Canton Ticino, il suo lavoro ha abbracciato molte tipologie edilizie: scuole, banche, edifici amministrativi, biblioteche, musei ed edifici di culto. Dall’inizio della sua carriera, il suo lavoro è stato riconosciuto e premiato a livello internazionale, oltre ad essere presentato in numerose mostre e pubblicazioni. Nel 1996, è tra i fondatori dell’Accademia di architettura di Mendrisio, dove tuttora insegna e ha ricoperto la carica di direttore.

Edifici realizzati

1959/1970
1971/1980

La scuola media di Morbio Inferiore

  • Casa unifamiliare, Cadenazzo, Svizzera (1971)
  • Casa unifamiliare, Riva San Vitale, Svizzera (1971/73)
  • Scuola media, Morbio Inferiore, Svizzera (1972/1977)
  • Sala d’incontro, Monastero di Santa Maria, Bigorio, Svizzera (1973)
  • Biblioteca del Convento dei Cappuccini, Lugano, Svizzera (1976/1979)
  • Palestra pubblica, Balerna, Svizzera (1976/1977)
  • Ristrutturazione e completamento di una cascina, Ligrignano di Morbio Inferiore, Svizzera (1977/1978)
  • Centro artigianale, Balerna, Svizzera (1977/1979)
  • Banca dello Stato Friburgo, Svizzera (1977/1982)
  • Casa unifamiliare, Pregassona, Svizzera (1979/1980)
  • Casa unifamiliare, Massagno, Svizzera (1979/1981)
  • Casa unifamiliare, Viganello, Svizzera (1980/1981)
  • Casa unifamiliare (Casa rotonda), Stabio, Svizzera (1980/1982)
1981/1985
  • Casa unifamiliare Origlio, Svizzera (1981/1982)
  • Edificio amministrativo Ransila ILugano, Svizzera (1981/1985)
  • Sede centrale della Banca del Gottardo, Lugano, Svizzera (1982/1988)
  • Casa della Cultura André Malraux, ChambéryFrancia (1984/1987)
  • Biblioteca pubblica – Maison du Livre, de l’Image et du Son, VilleurbanneFrancia (1984/1988)
  • Complesso residenziale nella ex area Venchi-Unica, Torino, Italia (1984/1987)
  • Galleria d’Arte Watari-um TokyoGiappone (1985/1990)
  • Palazzo per appartamenti e uffici – Palazzo Botta, Lugano, Svizzera (1985/1990)
  • Edificio amministrativo “Ransila II”, Lugano, Svizzera (1985/1991)
  • Edificio residenziale Lützowplatz (in collaborazione con Bendoraitis, Gurt & Messer), BerlinoGermania (1985/1991)
1986/1990

Basilea, vecchia sede UBS

  • Casa unifamiliare Cavigliano, Svizzera (1986/1989)
  • Casa unifamiliare Vacallo, Svizzera (1986/1989)
  • Casa per due famiglie Daro, Svizzera (1986/1991)
  • Complesso residenziale e commerciale “I 5 Continenti”, Paradiso, Svizzera (1986/1992)
  • Edificio amministrativo “Caimato”, Lugano, Svizzera (1986/1993)
  • Edificio principale dell’Unione delle Banche Svizzere (in collaborazione con Burkhandt und Partner), Basilea, Svizzera (1986/1995)
  • Chiesa di San Giovanni BattistaMogno, Svizzera (1986/1998)
  • Riqualificazione di Piazza della Pace, Parma, Italia (1986/1992)[senza fonte]
  • Casa unifamiliare, Losone, Svizzera (1987/1989)
  • Casa unifamiliare, Manno, Svizzera (1987/1990)
  • Chiesa del Beato Odorico (in collaborazione con Piero Beltrame), Pordenone, Italia (1987/1992)
  • Tomba di famiglia, Lugano, Svizzera (1987/1992)
  • Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (in collaborazione con Fabiano Redaelli), Sartirana di Merate, Italia (1987/1996)
  • Uffici e residenze, Bellinzona, Svizzera (1988/1991)
  • Insediamento residenziale (in collaborazione con Ferruccio Robbiani), Novazzano, Svizzera (1988/1997)
  • Centro Commerciale Le TorriFirenze, Italia (1988/1992)
  • Cattedrale di ÉvryFrancia (1988/1995)
  • Torre Kyobo, SeulCorea del Sud (1989/2003)
  • Complesso residenziale (in collaborazione con Luciano e Mario Gemin), Castelfranco Veneto, Italia (1988/1997)
  • Edificio direzionale SwisscomBellinzona, Svizzera (1988-1998)
  • Museo d’Arte di Rovereto e Trento (MART) (in collaborazione con Giulio Andreolli), Rovereto, Italia, (1988/2002)
  • Casa unifamiliare, Daro, Svizzera (1989/1992)
  • Casa unifamiliare, Cologny, Svizzera (1989/1993)
  • Casa unifamiliare, Montagnola, Svizzera (1989/1994)
  • Museo d’Arte Moderna (in collaborazione con Hellmuth, Obata and Kassabaum), San FranciscoStati Uniti (1989-1995)
  • Chiesa parrocchiale del Beato Odorico, Pordenone, Italia (1990/1992)
  • Chiesa di Santa Maria degli Angeli, Monte Tamaro, Svizzera (1990/1996)
  • Sede del quotidiano “La Provincia” (in collaborazione con Giorgio Orsini), Como, Italia (1990/1997)
  • Centro sportivo, Tenero, Svizzera (1990/2000)
  • Uffici e abitazioni “La Fortezza”, MaastrichtPaesi Bassi (1990/1999)
  • Nuovo Casinò (in collaborazione con Giorgio Orsini), Campione d’Italia, Italia (1990/2006)
1991/1996

Dortmund, biblioteca municipale

  • Tenda itinerante del settecentesimo anniversario della Confederazione Elvetica (o tenda “di Botta”), Bellinzona, Svizzera (1991)
  • Complesso industriale, Verbania, Italia (1991)
  • Edificio Amministrativo (in collaborazione con Fabiano Redaelli), Merate, Italia (1991/1997)
  • Complesso residenziale (in collaborazione con Fabiano Redaelli), Bernareggio, Italia (1991/1997)
  • Centro commerciale e residenziale “Piazzale alla Valle”, Mendrisio, Svizzera (1991/1998)
  • Complesso residenziale, Monte Carasso, Svizzera (1992-1996)
  • Casa per anziani, Novazzano, Svizzera (1992-1998)
  • Centro commerciale (in collaborazione con Fabiano Redaelli), Merate, Italia (1992/1998)
  • Centro Friedrich DurrenmattNeuchâtel, Svizzera (1992-2000)
  • Casa unifamiliare (in collaborazione con Fabiano Redaelli), Bernareggio, Italia (1993/1999)
  • Liceo scientifico (in collaborazione con Giorgio Orsini), Città della Pieve, Italia (1993/2000)
  • Stazione di servizio, Piotta, Svizzera (1993/1998)
  • Barriere antirumore autostradali, Chiasso, Svizzera (1993/2004)
  • Restauro ed ampliamento della Fondazione Querini StampaliaVenezia, Italia (1993/2003)
  • Museo Jean TinguelyBasilea, Svizzera (1993/1996)
  • Chiesa Papa Giovanni XXIII, Seriate Italia (1994/2004)
  • Museo all’aria aperta “Arca di Noé” GerusalemmeIsraele (1995/2001)
  • Leeum – Museo d’Arte Samsung, SeulCorea del Sud, (1995/2004)
  • Casa unifamiliare, Muzzano, Svizzera (1995/1997)
  • Entrata al giardino dei tarocchi di Niki de Saint Phalle (in collaborazione con Roberto Aureli), Garavicchio, Italia (1995/1997)
  • Biblioteca municipale, DortmundGermania (1995/1998)
  • Ristrutturazione del Museo Vela, Ligornetto, Svizzera (1995/2001)
  • Monumento Cumbre De Las Americas (in collaborazione con Luis Fernandez de Cordova), Santa Cruz de la SierraBolivia (1996)
  • Sinagoga Cymbalista e centro dell’eredità ebraica, Tel AvivIsraele (1996/1998)
  • Complesso d’uffici, New DelhiIndia (1996/2003)
1997/2000

Sede della Harting Technologiegruppe a Minden

2001/2005

Pensilina terminal autobus TPL, Lugano

  • Società di assicurazioni “Ethniki”, AteneGrecia (2001/2006)
  • Pensilina terminal autobus TPL, Lugano, Svizzera (2001/2002)
  • Ristrutturazione e ampliamento del Teatro alla ScalaMilano, Italia (2002/2004)
  • Complesso di piazza Marconi e terminal delle autolinee, Vimercate, Italia (2003)
  • Ridefinizione dell’area della stazione, Segrate, Italia (2003)
  • Centro wellness Bergoase, Arosa, Svizzera (2003/2006)
  • Biblioteca Civica A. TiraboschiBergamo, Italia (2004)
  • Villa unifamiliare, Bernareggio, Italia (2004)
  • Centro per la talassoterapia, Spotorno, Italia (2004/in corso di realizzazione)
  • Edificio residenziale, Gallarate, Italia (2005/2010)
  • Recupero Ex Aree ABB, Lodi, Italia (2005/in corso di realizzazione)
  • Scuola statale dell’infanzia, Rosà, Italia (2004)
Dal 2006

Monastero dei Santi Apostoli Pietro e Andrea, Opera don Orione, Lviv (LeopoliUcraina)

Area Appiani, Treviso

  • Werner Oechslin Library – Biblioteca privata di architettura, Einsiedeln, Svizzera (2006)
  • Nuova sede direzionale e Museo Campari e residenze (in collaborazione con Giancarlo Marzorati), Sesto San Giovanni, Italia (2006/2009)
  • Risistemazione chiostro interno di palazzo Crepadona (opera detta “cubo di Botta”), Belluno, Italia (2007)
  • Stazioni Poggioreale e Tribunale della Linea 1 della Metropolitana Napoli, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • Phoenix Island Villa Condo & Club House, Seogwipo-si, Corea (2007)
  • Piano regolatore generaleSarzana, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • Nuovo Ospedale Civile (in collaborazione con N.F.H.P. e Studio Redaelli), Vimercate, Italia (2007/2010)
  • Chiesa di Santa Maria Nuova Terranuova Bracciolini, Italia (2007/in corso di realizzazione)
  • MiNEC (Milan North-East Centre), Vimodrone, Italia (2008)
  • Sede dell’ANCELecco, Italia (2008)
  • Nuovo Complesso Didattico per la Biomedicina “Fiore di Botta”, Padova, Italia (2008/2015)
  • Complesso monumentale San Paolo, Fontana del Museo Civico Monselice, Italia (2009)
  • Cantina Château Faugères, Saint-ÉmilionFrancia (2009)
  • Torre Caldora, Pescara, Italia (2009-ferma)
  • Ridefinizione di Piazza Mazzini, Modena, Italia (2009/in corso di realizzazione)
  • Ampliamento del Centro sportivo nazionale, Tenero, Svizzera (2009/ in corso di realizzazione)
  • “Cittadella delle Istituzioni” nell’Area AppianiTreviso, Italia (2010)
  • Recupero degli ex Magazzini Generali, Verona, Italia (2010/ in corso di realizzazione)
  • Sede del Museo dei Fossili di Meride, Mendrisio, Svizzera (inaugurata nel 2012)
  • Falegnameria dell’OTAF, Sorengo, Svizzera (inaugurata nel 2013)
  • Monastero dei Santi Apostoli Pietro e Andrea, Opera Don Orione, L’viv (Leopoli), Ucraina (inaugurato nel 2014)
  • “Fiore di Pietra”, Monte Generoso, Svizzera (Inaugurato nel 2017)

Design, mostre & scenografie

  • Sedia “Prima” (prodotta per Alias) (1982)
  • Sedia “Seconda” (prodotta per Alias) (1982)
  • Tavolo “Terzo” (prodotto per Alias) (1983)
  • Sedia “Quarta” (prodotta per Alias) (1984)
  • Mostra “Carlo Scarpa 1906/1978″ presso la Galleria dell’Accademia, Venezia (in collaborazione con Boris Podrecca) (1984)
  • Sistema “Guscio” per la 17.ma Triennale di Milano (1984)
  • Sedia “Quinta” (prodotta per Alias) (1985)
  • Poltrona “Sesta: Re e Regina” (prodotta per Alias) (1985)
  • Lampada “Shogun” (prodotta per Artemide) (1985)
  • Due broche da tavolo, per l’acqua e il vino (prodotte per Cleto Munari) (1986)
  • Lampada da muro “Fidia” (Prodotta per Artemide) (1986/1987)
  • Manigle “FSB” (prodotte per FSB – Franz Schneider Brakel) (1986)
  • Tavolo “Tesi” (prodotta per Alias) (1986/1987)
  • Lampada da tavolo “Melanos” (prodotta per Artemide) (1986)
  • Sedia “LATONDA” (prodotta per Alias) (1987/1988)
  • Scrittoio “ROBOT” (prodotta per Alias) (1989)
  • Lampada da soffitto “Zefiro” (prodotta per Artemide) (1989)
  • Orologio “EYE” (prodotto per Alessi) (1989)
  • Brocca per acqua “2” (prodotto per Cleto Munari) (1989)
  • Tappeti (prodotti per Lantal Texiles)(1990)
  • Sedia “Botta 91″ (prodotta per Alias) (1990)
  • Vaso da fiori (prodotto per Cleto Munari) (1992)
  • Schermo “Nilla Rosa (prodotta per Alias) (1992)
  • Scenografie per l’opera teatrale “Nutcracker” presso l’Operahaus di Zurigo, Svizzera (1993)
  • Scenografie per l’opera teatrale “Medea” presso l’Operahaus di Zurigo, Svizzera (1993)
  • Mostra dedicata a Friedrich Durrenmatt presso la Kunsthaus di Zurigo, Svizzera (1993/1994)
  • Sedia “Charlotte” (prodotta per Strässle, attualmente prodotta da Horm) (1994)
  • Scenografie per l’opera teatrale “Ippolito” presso lo Stadttheater di Basilea, Svizzera (1995)
  • Orologio “Flower Time” (prodotto per Mondaine), (1995/1996)
  • Padiglione per l’esposizione “Kolonihaven” CopenaghenDanimarca (1996)
  • Orologio “Botta” (prodotto da Pierre Junod) (1997)
  • Lampada da soffitto “Mendrisio” (in collaborazione conn Dante Solcà) (prodotta per Artemide) (1998)
  • Bottiglie in PET per l’acqua minerale Valser (prodotto per Valser Spring Ltd) (2000)
  • Caraffe “Mia e Tua” (prodotto per Alessi) (2000)
  • Bicchieri per acqua e per vino (prodotti per Cleto Munari) 2000
  • Tavolo “Bello!” (prodotto per Horm) (2000/2004)
  • Specchi “Mamanonmama” (prodotti per Horm) (2004/2005)
  • Tavolo “Cariabile” (prodotto per Riva Mobili) (2006)
  • Tappeto “Anatolia” (prodotto per Cleto Munari/Moret) 2012

Scritti dell’architetto

  • Mario Botta, “Una cantina a Suvereto”, Locus n. 7, novembre 2007, “Sezione monografica” pp. 53–55
  • Mario Botta, Paolo Crepet, Giuseppe Zois, Dove abitano le emozioni. La felicità e i luoghi in cui viviamo, Einaudi, 2007
  • Mario Botta, La chiesa del Santo Volto a Torino, Skira, 2007
  • Mario Botta, Elisabetta Fabbri, Franco Malgrande, Il Teatro alla Scala. Restauro e ristrutturazione, Skira, Milano 2005
  • Mario Botta, Quasi un diario. Frammenti intorno all’architettura, Le Lettere, 2003
  • Mario Botta, Modelli di architettura, Alinea, 2000
  • Mario Botta, Museum Jean Tinguely, Benteli Verlag Bern, Bern 1997
  • Mario Botta, Etica del costruire, Editori Laterza, Bari 1996
  • Mario Botta, in AA.VV., Emilio Ambasz. Architettura e design. Per una riconciliazione con la natura, Electa, Milano 1995, p. XIX

Viste Interne