Descrizione

Cliente: Comune di Calcinate
Location: Calcinate (BG)Via Rastelli
Progetto dell’operaDOMUS Ing&Arch s.r.l.
Anno di completamento: in corso

Natura dell’opera: Realizzazione nuova Biblioteca comunale mediante ristrutturazione (risanamento conservativo) dell’ex Palestra della Scuola Elementare

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Partendo dalle indicazioni fornite dall’Amministrazione comunale e dalle Linee guida redatte dal Gruppo di Lavoro, è stato sviluppato un progetto che prevede un intervento di risanamento conservativo dell’involucro edilizio con la ristrutturazione integrale del volume interno adibito, fino alla sua dismissione, a palestra a servizio della Scuola Primaria.
L’edificio si articola in tre volumi estremamente simmetrici: il corpo centrale, che costituisce un volume unico, nel quale era collocata l’area di gioco della palestra e due corpi laterali simmetrici di minore altezza, nei quali erano collocati gli spogliatoi e i bagni a servizio della palestra.
Al lato ovest dell’edificio è addossato un piccolo locale tecnico, nel quale è collocata la caldaia per la produzione dell’acqua calda sanitaria, per il quale se ne prevede l’eliminazione. In relazione alle caratteristiche architettoniche dell’edificio oggetto d’intervento, coevo e con lo stesso stile architettonico dell’adiacente edificio scolastico (risalenti alla prima metà degli anni ’30), il progetto prevede il mantenimento delle strutture perimetrali originarie e delle relative aperture.

Si prevede solo di intervenire sulla facciata nord confinante con la strada pubblica, per la formazione dell’ingresso principale alla nuova biblioteca mediante ampliamento dell’apertura centrale esistente. Al fine di uniformare lo stile architettonico della
facciata nord, che presenta tre aperture con dimensioni e contorni diverse da quelle del fronte contrapposto, si prevede di uniformare le dimensioni delle due finestre laterali portandone l’altezza alla stessa dimensione delle finestre contrapposte e, per rendere leggibile la non contemporaneità, provvedendo a marcare il contorno con colorazione in luogo dell’inserimento del contorno in pietra di Sarnico. La scelta di operare sulla facciata nord per l’inserimento dell’ingresso alla nuova biblioteca discende dalle seguenti ragioni e considerazioni:
– gli unici fronti confinanti con le vie pubbliche, dalle quali sarebbe quindi possibile ricavare l’accesso alla biblioteca, sono il fronte ovest e il fronte nord;
– il fronte ovest, presenta finestrature realizzate con il progetto originario dell’edificio ed hanno quindi le stesse caratteristiche architettoniche delle aperture sugli altri fronti e sull’adiacente edificio scolastico;
– le aperture sul fronte nord hanno invece caratteristiche completamente diverse da tutte le altre, ragion per cui è verosimile che siano state aperte in epoca successiva alla costruzione dell’edificio (probabilmente negli anni ‘60-’70) esclusivamente per ragioni di miglioramento dell’illuminazione interna;
– il fronte nord presenta quindi già un’alterazione dell’impianto originario della facciata che non può essere annullata in quanto le aperture esistenti sono comunque necessarie e funzionali anche per la nuova destinazione che assumerà l’edificio;
– l’ampliamento dell’apertura centrale con l’addossamento della bussola d’ingresso, da realizzarsi con finitura in acciaio tipo Cor-Ten l’ampliamento della dimensione delle finestre in armonia con le finestre contrapposte, risulta compatibile con lo spirito di tutela dell’edificio e di leggibilità della sequenza temporale degli interventi.
Nella trattazione stilistica dei prospetti si avrà comunque cura di effettuare uno studio cromatico per assicurare un risultato complessivo armonico e in sintonia con la memoria storica dell’edificio. Dovendo provvedere all’adeguamento sismico e strutturale dell’edificio, si rende necessario operare con intervento di sottomurazione dell’edificio e di rinforzo struttura delle facciate. Inoltre si rende necessario effettuare l’intervento di sostituzione delle coperture dei due corpi laterali mediante demolizione delle coperture esistenti e formazione di nuove coperture in legno.
Si prevede inoltre la realizzazione del vespaio aerato al piano terra dell’edificio e la relativa coibentazione termica.
L’isolamento termico dell’edificio viene effettuato mediante formazione di cappotto termico interno chiuso con doppia lastra di cartongesso di finitura.
L’intervento più significativo da operare all’interno dell’edificio è la creazione di un piano intermedio all’interno del corpo principale della ex palestra al fine di aumentare la superficie utile della biblioteca sfruttando la notevole altezza di detto corpo centrale. Per rendere leggibile l’inserimento di detto nuovo elemento, si prevede la realizzazione della struttura in acciaio, trattato con vernici intumescenti per garantirne la resistenza al fuoco, da mantenersi staccata dalle pareti nord e sud.
Nella sala principale della biblioteca rimarrà quindi ancora chiaramente visibile il volume originario di questo corpo di fabbrica.
Sul lato ovest della sala principale, si prevede l’inserimento di una scala/gradinata che ha la funzione non solo di collegamento tra i due livelli della biblioteca ma anche di piccola tribuna gradinata sulla quale gli utenti si potranno accomodare per assistere a incontri/presentazioni/letture/rappresentazioni. A lato della scala si prevede la realizzazione dell’ascensore per il superamento della barriera architettonica (anch’esso con struttura in acciaio e vetro) e nel sottoscala la formazione dei locali accessori di servizio (magazzino e ufficio).
Nei due corpi laterali troveranno invece collocazione i servizi igienici, l’emeroteca e la ludoteca. Sul soppalco del corpo centrale verranno inseriti due container da adibire a salette riunioni mentre nel sottotetto dei due copri laterali verranno ricavate una sala studio, un’area relax e una sala di lavoro per i gruppi.
Nel giardino esterno si prevede invece di realizzare una delimitazione dell’area di pertinenza della biblioteca e la formazione del nuovo accesso dalla via Rastelli.
Ai fini dell’adeguamento alle norme di contenimento energetico, si provvederà alla realizzazione di un cappotto coibentante interno (spessore complessivo di 17 cm) e alla sostituzione dei serramenti esistenti con nuovi serramenti a taglio termico in alluminio (colore dei serramenti attuali) garantendo il mantenimento del disegno originale delle finestrature.
I tre portoni in legno esistenti sul fronte sud dell’edificio, verranno invece mantenuti previ intervento di recupero e manutenzione.

Il complesso architettonico della scuola primaria è soggetto a verifica di interesse culturale ai sensi dell’art. 12, comma 1, del D.Lgs. 42/2004 (trattandosi di immobile di proprietà del Comune da oltre 70 anni), presumibilmente edificato in epoca contemporanea dell’edificio della Scuola Primaria (fini anni ’30). I relativi interventi saranno quindi preventivamente analizzati con la SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA BELLE ARTI E PAESAGGIO PER LE PROVINCE DI BERGAMO E BRESCIA.